Il Responsabilie Scientifico del corso è la dr.ssa Virginia Basiricò, esperta del tema con esperienza più che decennale nella consulenza ad organizzazioni per l'applicazione di modelli organizzativi conformi alle norme in materia di Privacy, Responsabilità amministrativa e responsabilità sociale.

La sincope è una sindrome tipica dell’età geriatrica la cui prevalenza aumenta con l’età e che, anche quando riconosce cause benigne, soprattutto in età avanzata, può essere responsabile di una significativa morbilità secondaria agli esiti delle cadute. Nel paziente anziano, se non viene eseguita una valutazione diagnostica approfondita, in circa il 50 % dei casi la sincope rimane di natura indeterminata.

Molto diffusa risulta essere la prassi clinica di sottoporre i pazienti con perdita di coscienza transitoria a numerosi esami (Ecodoppler dei vasi del collo, TAC, RM cerebrale, …), anche se tale approccio risulta essere inappropriato, con scarso potere diagnostico e costo elevato. Un approccio guidato dalle linee guida aumenta l’appropriatezza della scelta degli esami e permette di ottenere un maggior numero di diagnosi conclusive.

La sincope rappresenta un problema frequente che impegna a fondo le nostre strutture sanitarie, l’approfondimento culturale di un’adeguata strategia diagnostico-terapeutica costituisce una priorità ed una sfida sotto il profilo clinico, organizzativo ed economico.

Il corso si propone di indagare il rapporto tra il concetto di benessere e i diversi contesti di vita, con particolare attenzione al contesto lavorativo in ambito sanitario. Dopo una rassegna introduttiva sul concetto di benessere, la sua evoluzione nel tempo, il corso affronterà il tema del benessere sul luogo di lavoro con particolare attenzione agli aspetti strutturali ed organizzativi. Verranno presi in esame anche gli aspetti relazionali nella costruzione del benessere per operatori, pazienti e familiari.

Il corso intende inoltre prendere in esame le varie dimensioni del benessere personale, promuovendo l’idea di una multidimensionalità nella ricerca del benessere. Seguirà quindi una breve rassegna di alcune aree considerate di maggior interesse per lo sviluppo di un benessere personale: dalla gestione del tempo agli effetti dell’alimentazione sulla salute e sul benessere, dall’importanza del contesto ambientale alla necessità di una riflessione più ampia sul contesto socio-economico in cui viviamo, dal benessere che deriva dall’attività fisica a quello che nasce da pratiche riflessive e introspettive.

Il corso si propone i seguenti obiettivi:

  • Analizzare il concetto di benessere e la sua evoluzione nel tempo;
  • Analizzare i fattori contestuali e organizzativi che contribuiscono a creare il benessere sul luogo di lavoro in ambito sanitario;
  • Analizzare i fattori psicologici e relazionali che contribuiscono alla costruzione di un possibile benessere per operatori, pazienti e loro familiari;
  • Proporre una visione del concetto di benessere personale inteso come concetto complesso e multifattoriale;
  • Prendere in esame alcuni ambiti strettamente connessi al concetto di benessere personale.